Louis Vuitton 200 anni, una lunga storia…

Louis Vuitton 200 anni, una lunga storia…

Louis Vuitton nasce in Francia  a Lavans-sur-Valouse, 4 agosto 1821

A 14 anni inizia a lavorare come apprendista da un noto fabbricante di valigie dell’epoca, un celebre ledete-emballeur ( indicava i produttori di bauli a quel tempo), monsieur Marechal, famoso per avere lavorato ed essere molto apprezzato alla corte di Napoleone III.

Nel 1853, il giovane Vuitton diventa il preferito dell’imperatrice Eugenia, madre di Napoleone.

E’ in questo periodo che Vuitton decide di mettersi in proprio, producendo una linea di bauli innovativa. Infatti, quattro anni dopo,

Apre a Parigi la sua prima valigeria di lusso, con l’insegna “Louis Vuitton: Malletier a Paris”, in Rue Neuve des Capucines.

 

E’ in questo anno, nel 1857, che Vuitton concepisce e crea il famoso baule: facilmente trasportabile, dal coperchio piatto e non bombato, con la struttura in pioppo su cui viene incollata una tela grigia che, con un trattamento particolare, diventa completamente impermeabile, il Trianon, gli angoli sono rinforzati grazie alla copertura in metallo e all’interno ci sono vari ripiani e scomparti per riporre vestiti e accessori. Con questo baule nascerà la concezione moderna del viaggio.

1857 è l’anno di nascita del famoso Warderobe, un guardaroba verticale, e della malle-cabine, ideata per essere depositata sotto le cuccette dei treni.

 

L’atelier parigino risulta  troppo piccolo, e quindi nel 1859 trasferisce il suo laboratorio e i suoi artigiani ad Asnières, un centro importante ancora tutt’oggi.

 

 

 

 

 

1885

Vuitton aprì il suo primo punto vendita estero, a Londra in Oxford Street

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1886

Una chiusura infallibile

Nel 1886, insieme al figlio Georges, egli creò un innovativo sistema di chiusura a cinque tamburi a molla.Una serratura talmente efficace che egli decise di sfidare pubblicamente, dalle pagine di un quotidiano, Harry Houdini, artista celebre per le sue fughe impossibili.

 

Nel 1888

data della creazione del Damier Canvas è la prima volta che appare il marchio depositato poco dopo nasce il monogram, lo sostituisce completamente fino al 1998 data che ricomincia ad essere riprodotto.

Il disegno della tela Damier Louis Vuitton fu inventato da Georges Vuitton nel 1888.

 

1896

L’invenzione e la registrazione del marchio LV e del Canvas Monogram.

Il disegno è ripreso dal disegno nella  pietra di Palazzo Ducale a Venezia, il quadrifoglio da sempre è sinonimo buona  fortuna in molte culture occidentali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   1900

Inizio della produzione delle borse valigie da viaggio

 

 

 

 

 

 

1930

Nel 1925, una borsa a forma di cupola pensata per uso personale, piuttosto che da viaggio, è stata creata appositamente per Chanel.

Fu solo nel 1934 che permise al marchio di produrre in serie la borsa per il grande pubblico.
Fu ridisegnato per essere più compatto e ottimizzato per l’uso quotidiano e soprannominato lo Squire
fino a quando non fu ribattezzato Alma nel 1955.

 

 

 

 

 

Con il successo dei suoi prodotti più piccoli, Louis Vuitton amplia la sua linea di prodotti includendo Keepall (1930),

La richiesta di queste borse era straordinaria, tanto che al momento sono ancora prodotte in una miriade di varianti

 

 

 

 

1932

I Produttori di Champagne chiedono come poter trasportare le bottiglie di Champagne, nasce il Noè  e il  Petit Noè in pelle  per portare cinque e tre bottiglie.

 

 

 

 

 

 

Nell’era del jet set degli anni ’50 e ’60, i bauli di Louis Vuitton erano la norma per le attrici chic in movimento. Anna Magnani prese un’intera flotta durante un viaggio a Parigi nel 1960, mentre pezzi singoli spesso popolavano le pagine di viaggio di Vogue.

 

 

 

1959

Scoperta del Pvc, nasce una tela morbida che rimane  l’attuale  canvas. Tutte le Borse vengono da ora costruite con questo nuovo materiale

 

1965

 

 

Audrey Hepburn chiede una versione mini del oramai famoso Keepall, nasce così Speeedy,

anche Jackie Kennedy diventa subito una fans di questa novità.

 

 

 

 

 

1966

Nasce il modello Papillon

 

 

1997

L’anno 1997 è stato fondamentale per il marchio con la nomina di Marc Jacobs come primo direttore creativo.

Marc Jacobs ha disegnato la prima linea pronta da indossare del marchio e ha presentato la gamma di borse Monogram Vernis.

louis-vuitton-summit-vernis-rouge-lechicpadova

Marc Jacobs  introduce le collezioni in vernice, Vernis.

La linea di Vernis è stata ispirata dalle collezioni di RTW (Ready To Wear) e da una gamma di colori unici e scintillanti che evidenziano la stampa del monogramma con l’effetto brillante e frizzante delle borse.

Vernis è una pelle o simile alla pelle verniciata, che è impressa con il monogramma famoso di LV.

 

 

 

1998

 

 

Con il centenario del Damie Ebene, viene dato un nuovo look che è quello attualmente in uso.

 

 

 

 

2001

Nel 2001, Stephen Sprouse, con l’aiuto di Marc Jacobs, progettò una collezione di graffiti al neon scritti sulla classica tela monogramma. Ad oggi, questa è una delle

louis-vuitton-speedy-30-graphite-lechic

collezioni più ricercate dai seri collezionisti Louis Vuitton. Dopo il successo della collaborazione di Stephen Sprouse, Louis Vuitton iniziò ad allinearsi costantemente con artisti e designer famosi.

  Stephen Sprouse  crea le collezioni Graffiti.

 

 

 

2003Louis-vuitton-sac-retro-cherry-blossom-lechicpadova

Nel 2003, Louis Vuitton ha lavorato con Takashi Murakami per creare il monogramma multicolore: la stampa monogramma standard ma in 33 colori su sfondo bianco o nero. Murakami era anche responsabile della famosa stampa 

 

 

2006

Viene lanciato una nuova fantasia Il Damier Azur per celebrare La Riviera Francese. Questo nuovo materiale viene utilizzato solo per alcuni modelli.

 

 

2007

Nasce la Neverfull con un immediato successo. Viene proposta nelle misure  PM, MM  GM. nel classico monogram, Damier ebene o Azur, Epi come nelle Limited Edition.

Mentre le vendite di Louis Vuitton continuavano a salire, nel 2007 il marchio ha nuovamente introdotto una borsa che sarebbe diventata uno dei suoi stili più classici e una delle borse più conosciute al mondo, la Neverfull.

Realizzata in tela monogram classica con interno a righe completamente foderato con una tasca laterale e finiture in vachetta, la Neverfull era apparentemente una borsa base,  anche con i suoi cinturini sottili.

louis-vuitton-keepall-45-bandouliere-damier-graphite-www.lechicpadova.it2008

nel 1888 nasce la tela Damier, dopo 120 anni , fu reintrodotto come Damier Ebène nel 1998, e da allora è stato uno dei più grandi successi di Louis Vuitton. È stata progettata una vasta gamma di modelli Damier: Damier Azur, Damier Graphite (per il 120 ° anniversario della tela), la pelle in rilievo di Damier Infini e altro ancora.

Nel 120° anniverdario del Canvas viene creato il modello Damier Graphite, rivisitando il classico Damier. Questo nuovo modello viene utilizzato nella linea Uomo e nella Pelle.

louis-vuitton-richard-prince-watercolor-aquarelle-jamais-limited-edition-lechic

L’artista  Richard Prince disegna la collezione  Aquarelle, per i modelli iconici.

 

 

 

 

 

2010

Louis Vuitton Trocadero empreinte pelle nera lechicNasce il Monogram Empreinte,

 

 

louis-vuitton-speedy-idylle-lechic

 

 

 

 

Nasce il Monogram Idylle Canvas una nuova linea sportiva e resistente composta da nuovi materiali.

 

 

 

2012

Yayoi Kusama crea la collezione “Infinitely Kusama” . Inoltre  Marc Jacobs introduce la collaborazione da diversi artisti di strada.

 

 

 

Come addio simbolico, una delle ultime silhouette di Marc Jacobs è stata la nel gennaio del 2013.

Ispirata alla valigetta Monceau, questa borsa versatile e funzionale sarebbe diventata uno dei pezzi più famosi del marchio, fino ad oggi.

Mentre Louis Vuitton ha continuato a prosperare, Marc Jacobs ha deciso di dimettersi nel 2013 per concentrarsi sul suo omonimo marchio con il supporto di LVMH.

 

 

2013

Fu allora che Nicolas Ghesquière fu nominato nuovo direttore artistico per la moda femminile e iniziò non solo a promuovere l’attuale linea di prodotti, ma anche a espanderla.

Proveniente da Balenciaga, non sorprende che abbia sfidato l’estetica classica e abbastanza docile per la quale il marchio è stato riconosciuto e ha iniettato una spigolosità che avrebbe parlato a una generazione più giovane.

La linea di borse Louis Vuitton ha continuato a crescere,

Nicolas Ghesquière non ha deluso la creazione di pezzi molto ricercati e continua a stupire le masse con i suoi design innovativi e lungimiranti.

Basato sul successo di Ghesquiere, Louis Vuitton nominò un altro genio creativo per affrontare il business degli uomini.

 

2018

  Virgil Abloh è stato nominato direttore creativo degli uomini e da allora ha progettato non solo nuovi straordinari accessori per uomo, ma ha introdotto pezzi che catturano il cuore di uomini e donne, una rarità per il marchio sin dal suo inizio.

 Con questi due uomini che aprono la strada a questa centrale elettrica, non si può dire cosa dovremmo prepararci a vedere, ma sembra che non ci siano limiti.



× Chat